martedì 18 settembre 2007

Conserva agrodolce Pom-pep. Ovvero, pomodori peperoni.

 
Da Artemisia

Una deliziosa chutney presa - eccezionalmente - da D, il settimanale femminile di Repubblica.

Per 4/5 vasetti:

tagliate in quarti 2 kg di pomodori maturi ed eliminate i semi.

Tagliate a metà 4 peperoni rossi, scartate i semi e le nervature interne, metteteli su una placca da forno. Conditeli con un filo d'olio e arrostiteli sul piano superiore del forno già caldo a 170 fino a quando la pelle si staccherà.

Sbucciate i peperoni, tagliateli a strisce, metteteli in una casseruola con i pomodori, 500g di zucchero, 125g di uvetta sultanina, un tocchetto di radice fresca di zenzero pelata e grattugiata, 6 - 8 spicchi d'aglio schiacciati, 4 dl di vino bianco, 2 cucchiai di sale e 1- 2 peperoncini piccanti privati dei semi e tritati.

Portate a ebollizione, continuate la cottura a fuoco lento, utilizzando un diffusore di calore da porre sul fuoco e mescolate spesso con un cucchiaio di legno fino a quando il composto sarà cotto.

Quindi incorporatevi 2 cucchiai di farina sciolta in poca acqua e continuate a mescolare fino a quando si addensa.

Nota: tutto idem, tranne che i peperoni caddero in pentola crudi; la buccia tolta con il pelaverdure. Vedete voi com v'aggrada.

Nel menu di  Ottobre 2002. Dîner idyllique/mélancolique.




Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...