sabato 17 luglio 2010

Ceviche di branzino con gamberi rossi e latte di cocco.



Da Artemisia.

Partiamo da un branzino selvaggio di 800g, sfilettato (fatevi dare la testa e la lisca; ci farete un brodo di pesce che userete un’altra volta); tagliatelo a dadini piccoli e regolari.

Pulite 300g di gamberi rossi (tenete teste e carapaci, ci farete un sugo per la pasta o un chupe).

Mettete insieme branzino e gamberi in un contenitore.

Spremete il succo di due lime e mezzo, versatelo sul pesce.

Aggiungete un cetriolo pelato, privato dei semi e tagliato a dadini piccoli e regolari e una cipollina fresca finemente affettata (due se piccine).

Aggiungete una piccola noce di zenzero fresco (potete pelarlo e grattugiarlo; io l’ho usato affettandolo molto sottilmente, lasciando la buccia). Mescolate.

Aggiungete dell’abbondante basilico spezzettato. Mescolate.

Distribuite il pesce in due o quattro ciotole (dipende: andranno in tavola sole solette per un pasto estivo leggero, oppure accompagneranno altri piatti in un più complesso menu).

Avrete messo una lattina di latte di cocco in frigorifero. Scuotetela per mescolare bene il latte, apritela e versatela nelle ciotole.

Portate la ceviche in tavola, fresca e fredda.


Nota: si può aggiungere un po’ di pepe bianco, di aglio in crema, di peperoncino rosso fresco o in pasta; così dice la ricetta francese presa da Elle che ho adottato. Io ho evitato perché l’uso dello zenzero a fette (nella ricetta originale è grattugiato) pensavo fosse già abbastanza esplosivo. E’ abbastanza vero, ma credo che avrei potuto permettermi un po’ di peperoncino e di aglio. Altri pesci consigliati sono sogliola, rana pescatrice, orata. Inoltre al posto del basilico si usa del coriandolo fresco, che non avevo. Il lime viene affiancato al limone.

Altre ceviche in AAA:

Ceviche di pesce spada e papaia

Ceviche di tonno, mango e zenzero

Ceviche di tonno con frutti della passione 

3 commenti:

isolina ha detto...

Totalmente allettante! Prendo nota

artemisia comina ha detto...

e se ti lasci sedurre dalla nota, quante variazioni :))

isolina ha detto...

Sulle variazioni sono assolutamente d'accordo, è come nella musica.
Peperoncino e aglio,certamente, coriandolo io meno. In quanto ai pesci ho una netta predilezione per il branzino, ma dipende, dipende

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...