mercoledì 21 marzo 2012

Strudel di carciofi cipollina asparagi





Di Artemisia che cede alla primavera.

Farcia:

stufate in olio d'oliva, con uno spicchio d'aglio poi tolto, quattro carciofi che avete pulito fino all'anima - non c'è niente di peggio che incontrare una dura, fibrosa foglia che manda all'aria un piatto - e tagliato a fettine molto sottili. Salate.

Tagliate una piccola fetta di pane casereccio ottimo e un po' raffermo e sbriciolatela, inclusa la crosta; unitevi una cipollina fresca tagliata sottile, un ciuffo di foglioline di menta che siano profumatissime, un piccolo spicchio d'aglio ridotto in crema; salate e pepate con pepe nero appena macinato.

Lessate  al dente, in acqua salata, un cuffetto di asparagi ben puliti e privati di ogni parte fibrosa; tanti quanti ne circondate con pollice e indice ad anello.

Quando avrete avvolto la vostra caramella di pasta sottile, spennellatela bene con burro fuso e cospargetevi su dei semi di coriandolo.

Lo strudel, che nella prima foto è quello di sinistra e che comunque si riconosce dai semi di coriandolo, è stato accompagnato da un coulis di carote

Fate una pasta da strudel come questa, (in altri temini una vera pasta da strudel, altrimenti lasciate stare lo strudel e usando una frolla fate una torta in una tortiera) e per arrotolarlo, cuocerlo, sformarlo seguite la procedura indicata.

Se poi di strudel ne volete fare due e volete servirli insieme - questo ne affiancava un altro, di pesce, ed erano entrambi nello stesso grande piatto - seguite gli accorgimenti che vi indico qui.

Nel menu  Marzo 2012. La cena dei due strudel: pesce sciabola e gamberetti, carciofi e asparagi

2 commenti:

Giuliana ha detto...

lo so che sono monotona, ma sei davvero una fonte inesauribile di ispirazione..

grazie Arté!

artemisia comina ha detto...

ciao Giuliana :))

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...