domenica 7 aprile 2013

Aprile. Una pasquetta in casa





Aprile 2013. Una pasquetta in casa. Tiro fuori dal freezer i tortellini delle Sfogline, li butto nel brodo di gallina ottimo portato da Raviola, metto gli ospiti ad affettare la mortadella artigianale portata da Bologna (e certa corallina di Norcia pure artigianale), faccio lì per lì una bella focaccia morbida anzi due e una brioche galante, aggiungo del pane senza impastare con semi di cardamomo (quanto ci sta bene); poi rigatoni con ragù bolognese, un quasi soufflè di ricotta e brie accompagnato da polpettine fatte con il ripieno dei tortelli (a Bologna lo vendono sfuso), zucchine con acciughe uvetta e pinoli portate da Teresa, crema all'arancia di Irene, una nuova versione della torta di tagliatelle e una bavarese bellissima di Aida.







5 commenti:

giulia pignatelli ha detto...

l'avessi fatta io una pasquetta così... :) Buona Domenica

la belle auberge ha detto...

sempre "quaresimali" le pasquette di casa AAA :)))
Che abbondanza, che magnifiche portate, che vini!

la belle auberge ha detto...

OT sai che ti ho sognata? Mi avevi invitata a casa tua e mi sono trovata in una specie di factory alla Andy Warhol, una casa piena di stanze e di opere d'arte insolite e affascinanti , molto silenziosa. Tu eri occupatissima a governare un certo andirivieni di persone; ti sei affacciata alla porta e mi hai detto di essere un po' contrariata perche' ti avevano fatto un taglio di capelli strano, tutto sforbiciato e abbastanza irregolare (a proposito: nel sogno portavi ancora i capelli scuri ed eri abbronzata). Io mi sono soffermata a guardare tutti quegli oggetti colorati, contenta di averti fatto visita.
Che vorra' dire questo sogno?

artemisia comina ha detto...

che devi venirmi a trovare; quella casa non mi dispiace per niente.

la belle auberge ha detto...

Grazie! :-)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...