sabato 23 novembre 2013

Totani in zimino.



Da Isolina

Sempre affascinata fui da questa parola così esotica…inzimino. Cioè, sembra, con bietole. Piatto superclassico che si contendono Toscana e Liguria. Io lo conobbi come ligure. Come al solito la mia ricetta segue la classica, con qualche variante. Aggiunta di cumino e di freekeh.

I totani, sventrati e puliti, li incido e poi taglio a strisce.

Nel coccio olio d'oliva, abbondante aglio, maggiorana, un peperoncino. Brevissimamente soffriggo, poi aggiungo i totani ben asciugati. Due rimescolate, una spolverata di cumino e quindi bagno con aceto e poi vino bianco. Lascio sfumare e poi aggiungo la passata di pomodoro.

Intanto lavo e taglio in julienne un bel mazzetto di bietole che vado a mettere sopra i totani  e salo. Copro, abbasso la fiamma e lascio indisturbato fino a quando vedo che le bietole sono del tutto ammosciate. Allora mescolo e faccio andare per una quarantina di minuti.

A questo punto butto dentro una mezza tazza di freekech e lascio bollicchiare per altri 20 minuti.
Può restare in attesa ad libitum ed essere riscaldato a piacer.


1 commento:

la belle auberge ha detto...

Isa, anche a me ha sempre fatto effetto la forestiera espressione "in zimino", senza tuttavia indurmi ad esplorare questo territorio. La tua ricetta e la tua foto mi spingono a provare.