mercoledì 28 gennaio 2015

Gennaio. Un buffet di lavoro solboccone


Gennaio 2015. Un buffet di lavoro solboccone. Saremo 17, vorremo lavorare e non far tardi; dispongo solbocconi o quasi a disposizone, così niente fare le parti, ma ciascuno potrà acchiappare quando e come vorrà, dolci o salati che siano. Tre cose salate e due dolci. Galantine, piccole quiche, londoneri, pasticcini neri con ricotta e pistacchi.

galantine: piccole brioche con gorgonzola e mortadella cotte in pirottini di carta, così non ho dovuto nemmeno sformarle.

Sedici piccole quiche,  o con cipolle o con formaggio e miele: dentro le teglie di coccio in cui vendono un formaggio francese, il saint felicien che dopo essere stato mangiato, lascia questa piacevole eredità: prendetevi la teglietta e dentro avete già la vostra quiche; io sto in pace (piccola remora: sempre per star comoda le ho cotte la mattina e scaldate la sera, ma quanto erano più belle gonfie e appena uscite dal forno).
 
londoneri un dolcetto croato squisitissimo che pare non noto fuori dalla sua culla; ne esiste una versione italica, la pita istriana, me la regala un'amica web, Aleppo, la faccio, scopro che con questo nome, per altro generico, pita istriana di noci, c'è solo su AAA; sotto il nome londoneri eccoli su web in abbondanza, ma solo con ricette in slavo indecifrabile - assenti in inglese, ne ho trovata solo una - può mai essere? Forse ci sarà sotto altro nome. Sospetto che in italiano a oggi di londoneri ci sia solo la ricetta AAA.

pasticcini neri con ricotta e pistacchi una versione dolccettinata di una crostata cioccolato, ricotta, pistacchi; come fui soddisfatta della prima, così dei secondi.







4 commenti:

aleppo oppale ha detto...

wow! anche la pita!! io rilancio la candidatura per l'adozione.
sai che a budapest l'ho mangiata con i semi di papavero al posto delle noci e le amarene invece della marmellata di albicocche. si chiama meggyes mákos pite, gustosissima!
ci sono tantissimi dolcetti in versione cubetto. in particolare il flódni, un tipico dolce ebraico, è molto simile.
baci

artemisia comina ha detto...

ahwww! come mi piace questa notizia! sono affamata (accademicamente) di informazioni su questo dolcetto.

aleppo oppale ha detto...

il flòdni ha tantissimi strati (noci, semi di papavero, mele aromatizzate alla cannella, marmellata di prugne).. forse troppi per il mio gusto, ma molto interessante. l'ho trovato un po' gnucco, magari cambiando l'impasto per intervallare gli strati viene più goloso.
la meggyes mákos pite mi è piaciuta un sacco. è proprio come la "nostra pita", con semi di papavero e amarene al posto di noci e albicocche.
qui trovi qualche informazione in più sul flòdni
http://burro-e-miele.blogspot.co.uk/2012/12/flodni-dalla-tradizione-ebraica.html
potremmo anche chiedere a jean-michel

artemisia comina ha detto...

JMC confronto inesauribile e prezioso.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...