mercoledì 27 dicembre 2017

Krampus-shaped bread, panini piccanti in foggia di Krampus

 
Di Artemisia

Ho già fatto panini con farina gialla a forma di Krampus: i Krampus-shaped bread, pane giallo in foggia di Krampus, come in Austria. Qui ho cambiato impasto - senza farina di mais, ma gialli e piccanti per la paprika, la curcuma, i semi di cumino indiano - dimezzandone le dimensioni;  sedici, invece che otto: piccoli, smilzi; raffinati, direi. Da mangiare uno dopo l'altro.

Krampus: Artiglio: compagni cornuti, pelosi, di Santa Claus nell'Europa che parla tedesco.






Fare dei fusi, spennellarli con la panna, inciderli, piegarli, sforbiciarli come da foto. Gli occhi sono semi di cumino, la linga - lingua, non naso - è un peperoncino.





500g di farina 00, 200g di acqua tiepida, 100g di panna fresca, 30g di strutto, 10g di lievito di birra fresco, un cucchino di curcuma, due di paprica, un pizzico di sale, un cucchiaio di semi di cumino indiano.

Sciogliere il lievito nell'acqua, aggiungere panna, strutto, farina, sale, curcuma, paprica, cumino e impastare; taglio a croce e far lievitare.

Sgonfiare l'impasto, dividerlo in sedici parti di circa 40g l'una.

Fare dei fusi, spennellarli con della panna fresca, inciderli, piegarli.

Gli occhi sono semi di cumino, la linga - lingua, non naso, una lunghissima lingua rossa caratterizza il krampus - è un peperoncino secco.

Ho poi fatto tagli in punta di forbice per dare ai krampus un po' di pelliccia.

Hanno fatto parte del menu della Vigilia.

E poi di un aperitivo, insieme e qualche crostino fatto da Nunchesto.

Nota: quando si torna a lavorare la pasta, non importa che la pestiate: meno gonfiano e meglio è, perderebbero la forma.

Nel menu di Dicembre 2017.  La vigilia. Tre gatti coraggiosi, molti Krampus piccanti.






I precedenti panini krampus - Krampus-shaped bread, pane giallo in foggia di Krampus, come in Austria - erano più grandi, più panini, più rustici, e quelli prima ancora ancora di più; sto andando verso i krampus-bambolina.



***

Aggiornamento Geannaio 2018

Li rifaccio, ed eccoli ancora diversi. Succedono tre cose: non ho la curcuma, uso solo la paprika; non ho la panna, uso 100g di yogurt intero. I dieci grammi di lievito si attivano, e gonfiano molto di più l'impasto. Li spennello con rosso d'uovo e poco yogurt. Ne faccio 16.

Ricapitolando: 500g di farina 00, 200g di acqua tiepida, 100g di yogurt greco intero, 30g di strutto, 10g di lievito di birra fresco, due cucchiaini di paprica, un pizzico di sale, un cucchiaio di semi di cumino indiano. Spennellarli con rosso d'uovo mescolato con un poco di yogurt.

Assai buoni.




1 commento:

Benedetta Lugli ha detto...

Questi esserini per me sono inquietanti, non li posso fare!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...